Il sorpasso di Susanna

Quello che in molti temevano è accaduto: secondo un ultimo sondaggio commissionato da Italia Viva e reso noto nella giornata di ieri da La Stampa, Susanna Ceccardi avrebbe superato per la prima volta Eugenio Giani dopo mesi di inseguimento. 43% per la coalizione di centrodestra contro il 42,5% di quella di centrosinistra.

Senza dubbio i sondaggi lasciano il tempo che trovano, soprattutto quando gli scarti sono cos’ risicati, ma ciò che sembrava impossibile sta, via via che ci avviciniamo al voto di settembre, prendendo sempre più forma. Il centrodestra ha iniziato a fiutare la grande opportunità politica che una vittoria storica in Toscana garantirebbe anche per un ritorno nazionale. I commentatori politici e gli editorialisti sono tutti concordi nel dire che la vittoria della Ceccardi nel Granducato arriverebbe persino a mettere a rischio persino la tenuta del governo.

Lo squalo arriva sempre nel giro di pochi minuti quanto sente l’odore del sangue e, in questo momento, il povero Giani sembra sempre più il pesciolino anziano in difficoltà che nuota in un mare pieno di squali affamati. E se il mezzo punto di distacco potrebbe anche lasciare il tempo che trova, a far preoccupare Giani dovrebbe essere la tendenza registrata negli ultimi mesi. Fino a due mesi venivano dati più di otto punti percentuali fa tra i due candidati e una rimonta della zarina di Cascina sembrava impossibile.

Sono certo che dopo questo sondaggio Salvini e Meloni intensificheranno le loro visite in Toscana, anche perché i giochi nelle altre regioni al voto sembrano molto più definiti che nella nostra. Aspetto che potrebbe essere davvero determinante.

C’è un risvolto davvero interessante che riguarda la figura della Ceccardi e, di conseguenza, la lista civica in suo sostegno. La sua candidatura pareva debole, poco strutturata e perdente soprattutto se raffrontata a quella di Giani che invece godeva di rispetto, autorevolezza e consenso. Sono bastate poche settimane di campagna elettorale a ribaltare lo scenario: la giovane Susanna è diventata la giovane madre, con un approccio sicuramente più contemporaneo rispetto al suo rivale, in grado di strappare la Toscana dalle grinfie della sinistra mentre Giani sembra arrivato col fiato davvero corto al rush finale. Per la vittoria della Ceccardi potrebbe davvero essere decisivo il risultato della sua lista, data al momento tra il 3 e il 4%, che sta coinvolgendo molte personalità e molti professionisti molto conosciuti in tutta la regione. Basti pensare che, tra Firenze e Prato, sembrano già certi i nomi dell’avvocato Guglielmo Mossuto, Giovanni Bambagioni, Sandra Pitigliani ed Enrico Albini.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...